Elefantentreffen 2010 in Vespa

 

Purtroppo siamo tornati da uno sfortunatissimo Elefantentreffen: fra rotture di vespe e furti di bagagli non siamo riusciti ad avere molto tempo per rilassarci divertirci e stare un po' assieme.

Io personalmente durante le ore di luce ho cercato di far funzionare una vespa che si era fermata a 1 km dal ritrovo senza riuscirci visto che aveva grossi problemi al carburatore e non ne avevamo uno di riserva per sostituirlo.

 

Siamo partiti da Trieste il 28 gennaio e fino vicino a Gollin (Austria) è andato tutto bene, finché non ha iniziato a nevicare: ci sono state le prime cadute e una vespa ha iniziato ad aver problemi. Eravamo in mezzo a un bosco mentre nevicava e ormai stava arrivando la notte, così la vespa è stata spinta fino alla più vicina ghasthouse e siamo riusciti a farla ripartire prima di andare a dormire (per fortuna era solo la bobina esterna).

 

la mattina successiva a Salisburgo una seconda vespa si è fermata cosè ci siamo fermati per un'altra tappa obbligatoria. Ripartiti, siamo arrivati a 5 km da Solla dove la vespa che aveva dato problemi la sera prima, a causa della bobina, questa volta ha iniziato ad aver problemi al carburatore: l'abbiamo fatta ripartire, ma a circa 1 km da Solla si è spenta nuovamente, così il gruppo si è diviso in 2.

 

Visto che ormai stava arrivando la notte, la parte del gruppo che ha continuato è andata a montare le tende, ma anche qua la nostra fortuna è venuta a mancare: una tenda si è rotta. Io nel frattempo ero a cercare di fare ripartire la vespa, ma fra la neve che continuava a cadere ormai da ore e il buio della notte ho abbandonato la speranza di farla ripartire.

 

Abbiamo lasciato a vespa dove si era spenta e in due siamo saliti a Solla solo con la mia vespa. Arrivati alle porte dell'elefantentreffen abbiamo ritrovato il resto del gruppo, così abbiamo parcheggiato la vespa, appoggiato i bagagli e siamo andati in un locale per asciugarci un po' e passare la serata.

 

Usciti dal locale, abbiamo avuto una triste sorpresa: i bagagli del ragazzo con la vespa rotta, erano stati rubati (sacchi a pelo e vestiti). Dopo la notte in tenda, il ragazzo con la vespa rotta, voleva far ripartire la vespa a tutti i costi, così dopo una veloce colazione, siamo ritornati sul luogo a provare inutilmente a farla ripartire.

 

Ci abbiamo provato fino circa alle 12:00 quando finalmente siamo riusciti a convincere il ragazzo a caricare la vespa su un furgone (per fortuna a Solla abbiamo incontrato una persona che è andata all'elefantentreffen con il furgone e ci ha dato una mano). A questo punto il gruppo si è diviso nuovamente e siamo partiti per il rientro in Italia, con una tappa a Gollin per passare una notte.

 

Nicola

 

 

 

 

 

 

Piu foto trovate su:

http://www.flickr.com/photos/sipscootershop/sets/72157623679036643

 

 

cheers